fbpx
Semplicità e crescita

La Holding è uno strumento molto efficace per la salvaguardia del patrimonio. Contrariamente a quanto comunemente si pensa, la Holding non è esclusivo appannaggio di grandi e cospicui patrimoni, ma è un efficace strumento di pianificazione fiscale commerciale e finanziario, ma è anche molto utile nella fase più delicata di un’azienda: il passaggio generazionale che presuppone il subentro di una nuova gestione e amministrazione.

Cerchiamo di capire cos’è una holding. Il termine holding, di derivazione anglosassone, trova la sua radice nel verbo “to hold” che significa “tenere”. La holding “tiene” qualcosa e in particolare quote o partecipazioni di altre società da essa controllate. La holding quindi controlla altre società e queste ultime trasferiscono in tutto o in parte il potere di gestione.

La struttura che si viene a creare è di tipo piramidale, il cui vertice è occupato dalla società capogruppo (parent) e alla base, invece, troviamo le società controllate (subsidiaries).

Il controllo di una società si realizza in due modi: o mediante la disposizione della maggioranza dei voti esercitabili all’interno dell’assemblea ordinaria, oppure quando la società controllante e la società controllata stipulano un contratto. Tale contratto prende il nome di “convenzione di dominato” e crea un rapporto di dominio. Il controllo esercitato è un controllo di diritto.

Le holding si possono distinguere per macro classi tra:

– Holding pure o Finanziarie: società che svolgono come attività principale, se non esclusiva, l’attività di controllo e il finanziamento delle partecipate;

– Holding miste o Industriali: società che, insieme all’attività di gestione finanziaria, svolgono anche attività imprenditoriale di tipo commerciale o industriale;

– Investment Holding: società che acquisiscono partecipazioni allo scopo di ottenere dividendi e capital gains, senza però dover controllare e gestire il capitale delle società controllate.

Creare una holding può far realizzare alcuni importanti obiettivi, che in particolare riguardano:

1. La diversificazione e lo sviluppo dell’attività imprenditoriale

Attraverso la costituzione di una holding, l’imprenditore ha la possibilità di allargare il proprio business, estendendo la propria attività a settori complementari o vicini. Questo può essere utile per rispondere meglio alle esigenze mutevoli di un mercato in veloce cambiamento

2. La tutela del patrimonio aziendale

Quella della tutela del patrimonio aziendale è senz’altro una delle esigenze più sentite da parte degli imprenditori che intendono mettere al riparo il patrimonio dalle aggressioni di eventuali creditori e in generale per preservare il patrimonio da vicende personali, familiari, successorie e fiscali. Gli strumenti a disposizione dell’impresa italiana sono molti (fondo patrimoniale, il trust, patto di famiglia, gli atti o i vincoli di destinazione, le polizze assicurative e altri). La holding, oltre alla tutela del patrimonio, ne consente anche una amministrazione ed una gestione più efficienti. In tal senso, di particolare rilievo è la holding di famiglia  che risulta essere un valido strumento di pianificazione del passaggio generazionale e di neutralizzazione dei conflitti familiari.

3. Una migliore organizzazione a livello produttivo e commerciale

Può essere conveniente creare una holding per definire una politica comune da rivolgere a più società facenti capo ad un’unica famiglia. Attraverso la cessione del controllo delle diverse società operative alla holding è infatti possibile razionalizzare la gestione e definire una strategia unitaria per l’intero gruppo, mantenendo la proprietà accentrata.

4. Una risposta più adeguata alle esigenze di ordine finanziario

Le società di proprietà di una stessa famiglia possono avere esigenze diverse in termini finanziari. Con l’utilizzo di un contratto di cash pooling, la holding può svolgere la funzione di “tesoriere”, accentrando tutta la liquidità del gruppo e mettendola a disposizione delle società al momento del bisogno senza dover ricorrere al credito bancario. Lo stesso vale per i finanziamenti, perché la presenza di una holding garantisce il vantaggio di avere una maggiore credibilità.

5. L’ottimizzazione fiscale

La holding è un valido strumento di pianificazione tributaria in quanto consente di usufruire di alcuni speciali regimi di tassazione agevolata, nonché attuare particolari strategie di allocazione degli utili per ottimizzare ed efficientare il prelievo fiscale.

6. La pianificazione del passaggio generazionale

La holding può essere una soluzione al problema del passaggio generazionale vale a dire quel processo al termine del quale il capitale e la gestione di un’impresa vengono trasferiti dai fondatori ai successori garantendo la continuità dell’azienda stessa. La holding consente di frazionare l’impresa di famiglia in diverse e specifiche attività, definendo ruoli e responsabilità tenendo conto delle caratteristiche personali di ciascun erede.

Le holding portano con se tanti benefici sia sotto il profilo della pianificazione e protezione del patrimonio sia dal punto di vista strettamente fiscale. La disciplina che regola la costituzione di una holding è decisamente complessa poiché occorre valutare molti elementi. Proprio per questo motivo, al fine di proteggere e difendere al meglio il tuo patrimonio, ti consiglio di contattarmi per meglio valutare la tua situazione.